FarmacovigilanzaNews.net


News

La epatotossicitÓ rimane un importante problema di sicurezza per tutti gli antiandrogeni

Gli antiandrogeni sono una classe di farmaci utilizzati nella terapia di deprivazione androgenica per il trattamento del cancro alla prostata metastatico. Sono classificati in due gruppi: antiandrogeni non-steroidei ( Flutamide [ Eulexin ], Bicalutamide ( Casodex ) e Nilutamide [ Nilandron ] ) e antiandrogeni steroidei ( Ciproterone acetato [ Androcur, Cytostat ] ). Entrambi i gruppi agiscono in competizione con gli androgeni circolanti per i siti recettoriali all'interno della cellula della prostata, promuovendo in tal modo la apoptosi e inibendo la crescita del tumore alla prostata.
Gli antiandrogeni steroidei hanno la capacitÓ aggiunta di sopprimere la produzione di testosterone.

In base al farmaco, gli antiandrogeni sono indicati per l'uso in monoterapia, o in combinazione con la radioterapia, gli analoghi dellĺormone rilasciante LH ( ormone luteinizzante ) o con la orchiectomia per blocco androgeno completo.

Health Canada ha ricevuto 25 segnalazioni di casi di epatotossicitÓ in uomini di etÓ compresa tra 60-98 anni; questi casi sono stati sospettati di essere associati con gli antiandrogeni; 24 sono stati definiti gravi.
Le reazioni avverse pi¨ comuni comprendono: ittero, aumento dei livelli degli enzimi epatici, nausea, necrosi epatica, ascite ed epatite. Un caso di epatotossicitÓ ha interessato una donna, trattata con un antiandrogeno per irsutismo.

Il rischio di epatotossicitÓ con l'uso di antiandrogeni Ŕ stato anche descritto nella letteratura clinica. Sebbene sia gli antiandrogeni steroidei sia i non-steroidei siano stati associati ad epatotossicitÓ, la frequenza di queste reazioni avverse, e le loro caratteristiche cliniche, sembrano differire da un farmaco all'altro. Ad esempio, i risultati di uno studio osservazionale hanno mostrato una pi¨ ampia ricorrenza di epatotossicitÓ tra i pazienti trattati con Flutamide che tra quelli trattati con Ciproterone acetato ( 15.3% vs 9.5%, p=0.034 ). Inoltre, questo studio ha trovato che l'incidenza di epatotossicitÓ grave ( definita come un aumento dei livelli di enzimi epatici maggiore di 6 volte il limite superiore della norma ) era 4.8% con l'uso di Flutamide e 3.8% con Ciproterone acetato.

La epatotossicitÓ grave appare essere rara con Bicalutamide e Nilutamide. ( Xagena News )

Fonte: Health Canada - CARN, 2012